Pubblicato il

I domini simili

Due sentenze a confronto

Talvolta accade che due società fra loro concorrenti utilizzino indirizzi di siti con denominazioni simili senza che tali indirizzi siano stati precedentemente registrati come marchi.

E’ accaduto ad esempio che due imprese abbiano realizzato, in tempi successivi, due siti che offrono servizi fra loro pressoché identici (informazioni turistiche e storiche su Roma) e che abbiano scelto come domain names, rispettivamente, www.romeonline.it e www.romeonline.net.

La confusione è palese, ed infatti il titolare del dominio registrato per primo si è rivolto al Tribunale di Roma per inibire l’ulteriore uso del dominio registrato in epoca successiva (www.romeonline.it).

Il giudice che si è occupato della questione ha stabilito che l’attribuzione all’indirizzo internet del nome Romeonline.it, adottata successivamente alla registrazione del dominio Romeonline.net, non costituisce un illecito in quanto si tratta “….di marchio descrittivo e quindi debole, in quanto privo di funzione individualizzante e di sufficiente capacità distintiva”.

In un caso analogo, il Tribunale di Milano riconobbe invece una tutela più ampia.

La causa (risalente all’agosto 97 e citata in precedenza) fu instaurata dalla Amadeus Marketing società operante nel settore dei servizi turistici e alberghieri nonche’ titolare del sito Amadeus.net (attraverso il quale offre i propri servizi) e del marchio registrato Amadeus.

La società Amadeus si rivolse al Tribunale di Milano per inibire l’uso del sito Amadeus.it, di proprietà della Logica S.r.l., attraverso il quale si offriva -mediante link- la possibilità di consultare pagine concernenti imprese prestatrici di servizi turistici vari, anche con facoltà di prenotazione telematica.

Il concreto rischio di confusione dei segni distintivi fu acclarato in maniera indiscutibile dal Tribunale di Milano, tuttavia, non fu genericamente precluso l’uso del dominio Amadeus.it ma fu sentenziata l’inibitoria solo in riferimento al settore turistico.

In sostanza, il Tribunale di Milano ordinò alla Logica S.r.l. di precludere l’accesso, attraverso il sito Amadeus.it, a servizi di prenotazione e turistici in genere ed alle correlative informazioni e prenotazioni telematiche.

In effetti, visitando oggi il sito Amadeus.it non si legge più alcun riferimento a servizi turistici e alberghieri, né vi sono link ad altri siti di tipo turistico.